A-Z
4
A

Acid Arab

On Tour

Da qui l’idea di creare qualcosa di nuovo, in cui s’incontrassero i suoni intensi e affilati della tecno e della house con le melodie, le armonie e i canti del mondo arabo. Dopo i primi esperimenti hanno condiviso le loro scoperte con produttori e musicisti, invitandoli a prendere parte al progetto. Così è uscito il primo singolo e la successiva compilation Acid Arab Collections, che include collaborazioni tra gli altri con Crackboy, Pilooski, Etienne Jaumet e I:Cube. Gli Acid Arab hanno così dato vita a una nuova forma di world music, appropriandosi dei codici della musica mediorientale e trasformandoli con gli strumenti analogici tipici della tecno, come la beatbox e la bassline machine. Gli Acid Arab, che dal vivo si…

AEHAM AHMAD

On Tour

I video che lo ritraggono suonare sui cumuli di macerie fanno il giro del mondo e tutto il mondo conosce la sua storia. Ma il giorno del suo compleanno arrivano i miliziani dell’ISIS e bruciano il suo pianoforte, in quanto “haram”. A quel punto Aeham Ahmad decide che è giunta l’ora di partire e percorre le migliaia di chilometri che separano Damasco da Berlino a piedi, su bagnarole di fortuna, autobus devastati, solo con uno zaino in spalla e la miseria a tracolla. In Germania trova rifugio in un vecchio motel abbandonato, dove c’è un pianoforte. Ricomincia a fare ciò che faceva a Yarmuk, suona e canta per i bambini sballottati dall’esilio. Riprende a suonare, inizia a fare concerti e riceve…

AMADOU & MARIAM

On Tour

Negli anni ’90 Amadou e Mariam valicano i confini del continente nero e sbarcano in Europa, nel Regno Unito e soprattutto in Francia, dove entrano in contatto con altre realtà musicali: il blues americano, i ritmi cubani e indiani, la musica folk francese, tutti generi che arricchiscono il loro bagaglio andando ad arricchire il loro stile, peraltro già improntato verso atmosfere blues nei pezzi più introspettivi e funk in quelli più movimentati. Verso la fine del millennio Sonodisc e Polydor siglano accordi con i due artisti africani, contratti che si concretizzano con la pubblicazione di dischi inediti e la rimasterizzazione e la ristampa dei loro primi lavori. Il duo gode di grande visibilità quando una loro canzone, Mon Amour, Ma…

ANA MOURA

Ma quello che la differenzia non è solo la profondità e la sensualità del timbro di voce, che pochi altri cantanti posseggono, ma la sua abilità nel trasformare in fado ogni melodia alla quale presta la sua voce. Non c’è nessun’altra voce fado come quella di Ana Moura. Ana inizia a coltivare la passione per la musica da bambina, aiutata in questo da una famiglia di cantanti. Sebbene avesse potuto esibirsi in qualsiasi genere musicale, si accorge ben presto di avere un’inclinazione particolare per il fado: all’età di sei anni canta il suo primo brano fado Cavalo Ruço, ma durante l’adolescenza decide di mettere da parte per un po’ di tempo questa musica. In questo periodo, nonostante cantasse canzoni di altri generi,…

B
C
D
E
F
H
K
M

MAHOTELLA QUEENS

Oggi di fatto le Mahotella Queens sono il simbolo di più di una generazione e ci portano in dono uno spettacolo unico fatto di musica, danza, gioia ed energia pura, vibrante come mai prima d’ora. Insieme alla Mkhona Tsothie Band e al leggendario Simon Nkabinde detto “Mahlathini” – il “re dei gemitori” per il particolare timbro della voce -,  le Mahotella hanno inventato il genere musicale mbaqanga, un mix potente di stili sudafricani tra cui il jazz marabi e la musica tradizionale corale. Intimamente legate alle proprie origini e allo stesso tempo affascinate dal mondo, le Mahotella non solo hanno cambiato la storia musicale del Sud Africa, ma hanno incantato tutti i continenti con il loro sound unico e coinvolgente….

MANGABOO

ON TOUR

Techno, Jazz, House music, Soul, sono solo alcuni dei generi che confluiscono in questo progetto dando vita ad un sound dall’eleganza vulcanica. L’ album è stato prodotto dagli stessi Mangaboo e Andrea Bertolini – che lo ha anche mixato – tra Torino, Radda in Chianti, Gropello Cairoli e Lunetta. L’album omonimo di debutto del nuovo progetto è uscito il 24 novembre per Elastica Records. “Il nostro primo disco mostra innanzitutto la comune intesa nel considerare la Musica una ricerca del piacere, come in un affollato Club il suono deve essere tanto marginale quanto degno di interesse. Questa dimensione ci ha reso liberi di esprimerci, con tutte le ingenuità con cui si affronta un nuovo spostamento.” raccontano Pisti e Giulietta. “L’…

N
O
R
S
T
V
Y